PEDOFILIA: METER, OLTRE 58 PORTALI DENUNCIATI IN MENO DI UN’ORA

PEDOFILIA: METER, OLTRE 58 PORTALI DENUNCIATI IN MENO DI UN’ORA 
 
Sono oltre 58 i portali pedopornografici denunciati in meno di un’ora dall’associazione Meter di don Fortunato Di Noto alla polizia postale e delle comunicazioni di Catania: “L’Italia si pone all’avanguardia nella lotta alla pedofilia e la dimostrazione sta nel fatto che i siti in Italia sono drasticamente diminuiti e i pedofili perseguiti e individuati. I pedofili in Italia hanno una vita dura - aggiunge don Di Noto –, anche se dobbiamo sottolineare che se non ci sarà una cooperazione internazionale diventa difficile trovare il modo di arrestare un fenomeno dalle dimensioni globali”. Secondo i numeri forniti dall’associazione sono decine i Paesi che ospitano siti dal contenuto pedopornografico: “Il materiale viene offerto attraverso il meccanismo dei pagamenti con carte di credito e in alcuni casi è diffuso, per così dire, ‘a scopo promozionale’ senza corrispondere alcuna somma di denaro”. I bambini coinvolti hanno un’età compresa tra i 2 e i 12 anni. In aumento le immagini tridimensionali di ecografie con riprese di genitali di feti al settimo/ottavo mese. Info: www.associazionemeter.org.

(Agenzia SIR) 26 novembre 2008

Eluana/ i bambini

Eluana/ i bambini
 
Avola (Siracusa). “Devi dire a papà e a mamma che non mi stacchi la spina!”. Due bambini di 8 e 9 anni stamattina si sono presentati da don Fortunato e gli hanno chiesto questa insolita richiesta. Sorpreso il parroco don Di Noto, da sempre a tutela dei diritti dei bambini, senza creare allarmismi, ha voluto chiedere come mai questa richiesta, e loro hanno riposto: “non abbiamo dormito tutta la notte, abbiamo sentito che il papà di una ragazza vuole staccargli la spina, vuole che sua figlia muoia di fame perché non parla e non sorride. NOI ABBIAMO AVUTO PAURA.”.

Molti bambini stanno vivendo con angoscia e paura la tragica fine di Eluana e hanno paura per loro. Queste domande e richieste lecite dei bambini, generate dalla sovraesposizione mediatica in tutte le ore e nelle fasce protette dedicate ai bambini hanno generato confusione, solo frutto del frastuono mediatico, con informazioni frastagliate e contraddittorie.

Per questa ragione è stata indetta una assemblea straordinaria di tutti i bambini del catechismo per oggi alle ore 16,00 nei locali della Parrocchia del Carmine di Avola, sede legale dell’Associazione Meter onlus a tutela dell’infanzia (www.associazionemeter.org) per leggere insieme la triste vicenda, discutere con i bambini e i catechisti e gli operatori e sottoscrivere un documento per la costituzione (simbolica) del Comitato dei Bambini “Non staccatemi la spina”.

Don Fortunato Di Noto, presidente di Meter a tutela dell’infanzia dichiara:
“In tutta questa vicenda non si è affatto pensato a come i bambini stanno recependo e reagendo a chi a chiare lettere ha scritto: “Eluana ora puoi morire in pace!”, “Eluana è morta 16 anni fa”, “Per me quella di Eluana non è vita”, “Farò lo stesso con mio figlio, affetto di simile malattia”. Hanno tutte le ragioni di dire “Papà, mamma, non staccarmi la spina, dammi sempre da mangiare, non farmi morire di fame e di sete”. Evidentemente qualcuno obietterà che i bambini non possono esprime “consenso”, non hanno “maturità giuridica per scrivere un testamento biologico”. Hanno la sacrosanta ragione, perché educati ad amare la vita, a preoccuparsi e chiedere aiuto, perché non vogliono che qualcuno “mentre dormono”, ma sono a giocare con i loro angeli” gli stacci un sondino.