Pedofilia: Ass. Meter, 'Deep web' nuova frontiera invisibile da combattere

"Il 'Deep Web' e' la parte nascosta di internet che e' diventata il posto ideale delle associazioni a delinquere di tutto il mondo. Il fenomeno si e' spostato in modo esponenziale in questa 'free zone' incontrollabile. La pedopornografia si raffina, nella sua produzione e divulgazione e nella costituzione di gruppi a delinquere, in maniera sempre piu' esponenziale e criminale.

 

Lo denuncia l'associazione antipedofilia Meter, riferendo che sono 28.024 i siti e riferimenti pedofili e pedopornografici segnalati da Meter nei primi 5 mesi del 2013. Il dato, reso noto stamattina, dopo la operazione della Polizia Postale di Catania che ha arrestato 4 persone e individuato 2 bambini a cui va il plauso e la riconferma della stretta collaborazione tra Meter e la Polizia Postale Italiana, soprattutto catanese, prosegue la nota.

"Lo scorso anno - ricorda ancora l'associazione - sono stati monitorati 56.357 e il 'Deep Web' e' la nuova frontiera da contrastare, per la prima volta denunciata dall'Osmocop (Osservatorio Mondiale contro la pedofilia) dell'associazione di don Fortunato Di Noto. "Dobbiamo sollecitare, con le dovute cautele - dichiara don Di Noto - che il database dell'Interpol con i volti dei bambini (circa 600.000) estrapolati dai sequestri del materiale pedopornografico siano resi maggiormente utilizzabili dalla parti offese, dai magistrati, e se necessario rendere pubbliche alcune foto di bambini in pericolo. Fino a quando le forze investigative e nuove norme giuridiche - conclude don Di Noto - non favoriranno l'individuazione delle centinaia di migliaia di bambini coinvolti nel mondo della pedofilia, della pedopornografia, il lavoro di contrasto diventera' sempre piu' complesso e difficile"