Pedofilia/Bilancio positivo per la polizia postale di Catania

polizia postale catania thumbBilancio positivo per la polizia postale di Catania

E' tempo di bilanci per la polizia di Stato, il Dirigente della Polizia Postale di Catania Marcello La Bella, ha incontrato la stampa per tracciare un bilancio dell'attività svolta durante gli ultimi 12 mesi. Nel corso di quest’anno l’impegno del compartimento della Polizia Postale e delle Comunicazioni "Sicilia Orientale" di Catania nell’attività di contrasto dei crimini informatici e di quelli commessi, comunque, mediante l’utilizzo delle nuove tecnologie. Pedopornografia on-line, intrusioni e danneggiamenti a sistemi informatici, frodi, furti d’identità, diffamazioni, stalking, apologia di delitti o diffusione tramite il web di odio razziale e religioso sono le "nuove frontiere" del crimine. Senza dimenticare i monitoraggi preventivi su siti di natura eversiva e su quelli delle tifoserie calcistiche. Ma anche supporto alle indagini di criminalità organizzata. Nel corso di quest’anno, il compartimento ha portato a termine operazioni antipedofilia di livello internazionale come quella della scorsa estate denominata "Strike" ma anche forte è stato il contrasto alla violazione dei diritti d’autore, come quanto raggiunto con l’operazione "Card sharing".

 

Accanto alla repressione, vi è stata una proficua attività di prevenzione realizzata, soprattutto, mediante incontri presso le scuole con ragazzi, genitori e insegnanti per un utilizzo consapevole di internet e delle nuove tecnologie. Secondo i dati, rispetto al 2011 gli arresti sono più che triplicati. Solo 3 lo scorso anno, 18 nel 2012. Aumentano i denunciati: 146 rispetto ai 74 del 2011. Sono quasi 170 mila gli spazi virtuali monitorati ed oltre 3 milioni di giga di materiale digitale sequestrato. "Fondamentale in questa attività – ha detto La Bella – il supporto della associazioni, come quella Meter di Don Fortunato di Noto. Le loro segnalazioni ci permettono di velocizzare i nostri interventi. Così come è importante la denuncia del cittadino.". Chi sono i pedofili? Quale il loro profilo? "Non si può fare un identikit del potenziale pedofilo – ha aggiunto La Bella – è un crimine che interessa trasversalmente tutti i ceti sociali ed economici. L’unica cosa che hanno in comune è una certa dimestichezza con la tecnologia informatica. Ma oggi non è difficile possedere queste capacità". Due le persone arrestate per stalking nel 2012. 322 le persone denunciate all’Autorità giudiziaria per reati contro la persona.

Attenzione alla giornata orgoglio pedofilio il 21 e 22 dicembre.

pedofiliaAvola (Sr), 19 dicembre 2012 -- “n. 486 bambini coinvolti, 26 segnalazioni, 315 links e siti di riferimento, 4 portali, 1 chat e 5 siti con riferimento alla celebrazione internazionale dell’orgoglio pedofilo per il 22 dicembre p.v.” è il rapporto della denuncia inoltrata alla Polizia Postale di Catania in un ora di monitoraggio effettuato dai volontari che operano a livello internazionale con l’OSMOCP (Osservatorio Mondiale contro la pedofilia, dell’Associazione Meter onlus di don Fortunato Di Noto www.associazionemeter.org ) istituito lo scorso anno. Vigilanza sulle organizzazioni pedofile che ogni anno, il 21 e 22 dicembre celebrano la “giornata dell’orgoglio pedofilo”: da studi recenti e dalle ultime indagini e arresti è stato accertato che almeno il 30% di coloro che “celebrano idealmente la pedofilia” sono risultati abusatori di bambini: questa è la fine del mondo dell’infanzia, dichiara don Di Noto, fondatore di Meter.

FENOMENO INCONTENIBILE: BAMBINI PICCOLI DI 2 ANNI. E’ inquietante denunciare come tra le centinaia di fotografie con bambini palesemente violati da adulti è in crescente aumento la “infantofilia” (il 30% dei bambini hanno meno di 2 anni). Sono 52 le nazioni ritenuti “contenitori” di materiale pedopornografico : al primo posto la Russia, segue l’India, gli USA, il Giappone e distribuiti equamente gli Stati d’Europa, la Libia.
L’ attività di monitoraggio dell’OSMOCOP di METER evidenzia una sempre più diffusa presenza della pedofilia nel social network, circa il 60 per cento (nel 2012) in più rispetto al 2011 dove Meter ne aveva denunciati 1087 di comunità e profili individuali in socialnetwork.

VIGILANZA CONTRO “IDEOLOGIA PEDOFILIA E LA CELEBRAZIONE DELL’ORGOGLIO PEDOFILO IL 22 DICEMBRE. DENUNCIARE QUESTA FOLLIA --- Denunciati da Meter portali dove le organizzazioni pedofile si stanno organizzando (virtualmente e non) per la celebrazione della “giornata pedofila” che cade il 22 dicembre. Con la ratifica di Lanzarote in Italia l’istigazione alla pratica della pedofilia è un reato penale e chiediamo alla magistratura e alle forze di Polizia Postale Italiana maggiore vigilanza - cosa che già fanno in maniera encomiabile-. Un appello anche ai cittadini (non solo del web): segnalate qualsiasi riferimento, pagine, proclami che diffondano la “normalizzazione della pedofilia” e la “liceità degli abusi sui bambini”. Un invito anche ai massmedia: aiutateci contro il silenzio e l’omertà.