Don Di Noto al laboratorio Copercom

“Nell’ambito dell’emergenza educativa

pur essendo meravigliosi i mezzi di comunicazione, tra le maglie s’annidano pericoli per i minori. Emerge che i ‘nativi digitali’, i bambini e i ragazzi, sono più avanti dei ‘nativi cartacei’, gli adulti”. È necessario, quindi, “fare un percorso per giungere a un patto educativo, innovativo e di grande responsabilità, tra le due generazioni”. Lo ha detto al Copercom don Fortunato Di Noto, fondatore di Meter, alla vigilia della sua partecipazione al laboratorio on line “animatori cultura e comunicazione” sul tema “Media e minori: come prevenire e come affrontare i rischi?”, in programma mercoledì 9 alle 21 (www.copercom.it).
Il primo appuntamento del modulo primaverile del laboratorio ha suscitato interesse e partecipazione. Cresce ora l’attesa per il secondo incontro, con il sacerdote impegnato da anni in prima linea a tutela dei minori contro la pedofilia via Internet.

copercom 7 maggio 2012