ABUSI SESSUALI/ ISTRUTTORE DI EQUITAZIONE MANTOVANO ARRESTATO

ABBATTERE I MURI DI SILENZIO

Avola (SR), 20 LUGLIO 2012 - Un istruttore di equitazione di 33 anni residente in un Comune dell'hinterland di Mantova è stato arrestato per violenza sessuale nei confronti di una sua allieva 14enne. Determinante l’azione di segnalazione dell’Associazione Meter onlus di don Fortunato Di Noto (www.associazionemeter.org) che attraverso il forum online delle segnalazioni e il numero verde 800 455270 avevano ricevuto da un coetaneo della bambina la triste vicenda di abuso sessuale.

I FATTI- Le manette ai polsi dell'uomo sono scattate ieri ma la notizia è stata diffusa soltanto oggi dalla Polizia postale. La relazione tra i due, che vedeva la ragazzina consenziente secondo quanto da lei stessa ammesso, andava avanti da alcuni mesi, con incontri che avvenivano al maneggio, dopo le lezioni di equitazione. Un coetaneo della bambina si è accorto della cosa – preoccupato del coinvolgimento di altre ragazzine - e lo ha segnalato all’Associazione Meter di don Di Noto, da sempre in primo piano nella lotta alla pedofilia e agli abusi sessuali su minori. La segnalazione è stata girata alla Polizia postale che in un paio di mesi di indagini è riuscita a ricostruire la tresca a base, oltre che di incontri, anche di messaggi hard via e-mail o via sms.

DON DI NOTO: ROMPERE I MURI DEL SILENZIO- Per don Fortunato: “Una segnalazione può interrompere un presunto circuito di abuso, vulnerabilità, sottomissione. In questa vicenda un merito va all’adolescente che ha ritenuto fare la segnalazione per aiutare una sua compagna”. E continua: “L’autorità giudiziaria accerterà sempre di più e con competenza le eventuali responsabilità, ma la vicenda è un segnale di come sia possibile aiutare tutte le vittime, spesso deboli soggetti in balia del condizionamento psicologico di adulti”.

NOMINA CHINNICI E’ GARANZIA PER LA TUTELA DEI MINORI.

“Non posso non esprimere a nome mio personale e di tutta l’Associazione Meter onlus un plauso, un incoraggiamento e una certezza per la nomina della dott.ssa Caterina Chinnici a Capo del Dipartimento Giustizia Minorile. La competenza e la spiccata umanità non potrà fare altro che contribuire alla tutela dei minori vittime di se stessi e delle condizioni deprivanti della società da cui derivano e appartengono.”

Con queste parole don Fortunato Di Noto, presidente di Meter, ha accolto molto favorevolmente la nomina della dott.ssa Caterina Chinnici a Capo del Dipartimento Minorile.

“Abbiamo già avuto modo di collaborare – continua don Di Noto – con il Dipartimento su progetti relativi alla prevenzione della micro e macro criminalità minorile nell’ambito del fenomeno della illegalità e della mafia e gli abusi tra minori. C’è tanto e molto da fare in un campo così complesso e delicato.”