ULTIME NEWS

Avola, (SR) Oltre 4.500 bambini coinvolti in abusi sessuali e rinvenuti in un mega archivio telematico scoperti

A pochi giorni dall’inizio della XIX GBV, Giornata Bambini Vittime della violenza, dell’indifferenza e dello sfruttamento che si terrà dal 25 aprile al 3 maggio, la scoperta agghiacciante. Più di 4.500 i bambini coinvolti in abusi sessuali e rinvenuti in un mega archivio telematico (cloud mail) dai volontari dell'Associazione Meter Onlus (www.associazionemeter.org) di don Fortunato Di Noto. che da più di 20 anni con forza e determinazione combatte il turpe fenomeno della pedofilia e della pedopornografia.
Immediata la segnalazione alla Polizia Postale di Catania per l’approfondimento del caso. Una segnalazione che ha evidenti ramificazioni nazionali e internazionali per la mole della produzione di materiale contenente bambini, con un aumento vertiginoso di neonati. Violenze inumane con vessazioni e torture su bambini innocenti.

In tutto 4.478 foto e 513 video in un solo archivio, una mole di materiale prodotto anche di recente, nel quale donne e uomini abusano di bambini in tenerissima età. “Non si deve archiviare o distruggere il materiale trovato: possiamo, anzi dobbiamo provare a identificare almeno una delle vittime che sono in quelle foto - afferma don Fortunato di Noto - Voglio sottolineare che siamo qua per operare anche a livello internazionale. Questo materiale presumo proverrà da tutto il mondo: perché non passarlo in stretta collaborazione anche all'Interpol, dare il via ad un'operazione seria per la individuazione delle vittime? Il lavoro è immane, ma possibile".

Il materiale rinvenuto è una fonte importante da raffrontare con il data base dell’Interpol e della Polizia Postale italiana per cercare di individuare le vittime di questo mercimonio di bambini vittime della pedofilia e dello sfruttamento sessuale. Lo studio delle immagini, la ricerca di elementi utili territoriali, particolari per risalire ai luoghi e alla fonte. “La lotta alla pedofilia - conclude - e alla pedopornografia arriverà ad una svolta seria ed efficace se la si considera un crimine contro l’umanità”.