banner gbv2017

Storia dell'Associazione

logo meter bassarisoluzioneMeter è nata ad Avola (SR) per volontà di don Fortunato Di Noto, che tra il 1989 e il 1991 ha iniziato ad appassionarsi alle nuove tecnologie: strumenti meravigliosi ma che, oltre ad avere un lato funzionale e positivo, hanno permesso la diffusione di orrori e violenze. Le immagini trovate da don Fortunato nella Rete già allora hanno mostrato un vero e proprio olocausto perpetrato grazie alla produzione e divulgazione di materiale pedopornografico o comunque in danno dei minori. Il ritrovamento delle prime immagini pedopornografiche e dei proclami della pedofilia culturale spinsero don Di Noto e i soci fondatori, che tuttora lo seguono, a quella che sarebbe divenuta la loro missione: lottare contro la pedofilia e gli abusi dell’infanzia, salvaguardare i bambini e la loro innocenza. 

Questo è alla base del nome dell’Associazione: meter è una parola di origine greca che significa “accoglienza, grembo” e, in senso più lato, “protezione e accompagnamento”. Questo nome nasce dall’esigenza di radicare e promuovere la cultura dei diritti dell’infanzia nelle realtà ecclesiali e non.

Oggi Meter nell’ambito della tutela dei minori e nella lotta alla pedofilia e pedopornografia online, rappresenta un significativo punto di riferimento in Italia ed è riconosciuta nel mondo come una delle massime autorità (dalla Cina al Giappone, dagli USA all’Europa) nella prevenzione del disagio infantile e la progettazione di interventi mirati ad un aiuto concreto alle vittime degli abusi sessuali. Sul fronte della lotta alla pedocriminalità, Meter collabora attivamente con il CNCPO (Centro Nazionale per il Contrasto alla Pedopornografia Online) grazie ad un protocollo d’intesa con la Polizia Postale e varie Procure italiane.

La squadra di Meter si è sempre distinta per la sua operatività nell’informare e formare tutti i settori educativi e si impegna affinché il diritto a vivere sereni nella società e nella famiglia divenga tale per tutti e non una condizione per pochi privilegiati.

Significato logo Meter

Esso è formato da una grande M disegnata dai bambini che richiama il significato di grembo, accoglienza, protezione e l’abbraccio di chi ama i piccoli; all’interno della M figurano 12 stelle simbolo della corona della Vergine Maria, Madre di Gesù e madre di tutti i bambini; al centro campeggiano un bambino stilizzato e il globo che rappresenta l’umanità che deve essere sempre più accogliente e dalla parte dei bambini. Il logo non è solo una mera identificazione dell’Associazione ma richiama alti valori spirituali e civili.

organigramma