DAL 1995 GIORNATA BAMBINI VITTIME (G.B.V.)

BREVE NOTA STORICA SULLA GIORNATA DEI BAMBINI VITTIME (GBV)
DELLA VIOLENZA, DELLO SFRUTTAMENTO E DELL’INDIFFERENZA

 

La Giornata dei Bambini Vittime della violenza, dello sfruttamento e dell’indifferenza nasce nel 1995 ad Avola, nel quartiere della Parrocchia Madonna del Carmine culla dell’Associazione, dalla sofferenza, dalle lacrime, dalla rabbia, dal dolore per l’infanzia violata di una bambina di 11 anni e di un ragazzo di 14 anni.

Gli episodi di violenza spinsero don Fortunato Di Noto a concentrare i suoi sforzi e le sue risorse per il contrasto della pedofilia e della pedopornografia. La GBV viene celebrata presso la Parrocchia Madonna del Carmine di Avola dal 25 aprile alla prima domenica di maggio in risposta alle giornate dell’Orgoglio pedofilo, ed è suddivisa in due momenti celebrativi: il primo è commemorativo (preghiere e riflessioni), il secondo è dedicato a bambini e famiglie.

La GBV ha assunto carattere nazionale e internazionale per la Chiesa, la società civile e le realtà politiche e culturali. Nello specifico, le comunità parrocchiali pregano e riflettono sulla condizione dell’infanzia; le alte cariche dello Stato, nonché Ministri ed enti locali aderiscono attraverso momenti di riflessione e sensibilizzazione. Anche università, scuole ed aggregazioni politiche, sindacali e culturali sono partecipi.

Il Santo Padre, in occasione della GBV, rivolge un “saluto speciale” all’Associazione Meter: è un segno prestigioso di riconoscimento dell’operato di Meter. Ogni anno gli associati si recano in Piazza San Pietro per rispondere al saluto del Papa e testimoniare così l’inarrestabile lotta per l’infanzia cominciata nel 1989 nel cuore più profondo della Sicilia.

PER SAPERNE DI PIU’: N° VERDE 800.45.52.70

PER ADESIONI E MESSAGGI: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.